Tutoring

Pensato per gli allievi di Prima Liceo, quando i fallimenti scolastici sono più numerosi.

Chi è il tutor?

  • Una figura interna alla scuola e identificata alla scuola (Identità, Impegno, Rigore)
  • Responsabile di una piccola unità di 4-6 allievi
  • Che ha funzione di «Personal trainer» dello studio (NON di psicologo!) e di «Ombudsman» all’interno della scuola
  • Il suo lavoro è finalizzato alla riuscita scolastica
  • Sviluppa una relazione più personalizzata che non quella possibile con i docenti
  • Diventa la principale figura di riferimento per l’allievo

A cosa serve il tutoring?

  • Facilitare i processi di apprendimento, di socializzazione e di cooperazione
  • Prevenire la dispersione scolastica ed il Burn Out dell’allievo
  • Insegnare un metodo di studio e di Time Management
  • Favorire la riuscita scolastica in un periodo delicato della crescita

Come lavora il tutor?

  • Vede regolarmente gli allievi fin dalla prima settimana
  • All’inizio soprattutto in gruppo, più tardi soprattutto individualmente
  • Più tardi soprattutto con gli allievi che ne hanno più bisogno
  • Introduce e informa l’allievo nel nuovo mondo del Liceo (ruolo di agevolatore)
  • Aiuta l’allievo a trovare un personale metodo di studio
  • Sorveglia e consiglia sul modo di studiare, di gestire il tempo (Time Management)
  • Ha un occhio vigile alle eventuali difficoltà specifiche (debolezze in certe materie)
  • Aiuta a trovare rimedi alle lacune e strategie di miglioramento
  • E’ pronto a collaborare con la famiglia in caso di difficoltà
  • E’ attento alle potenzialità gruppali e cooperative all’interno del gruppo
  • E’ attento anche agli aspetti psicologici, familiari ed umani di ogni singolo allievo
  • Interagisce e collabora con tutti i membri del progetto Pedagogico del Collegio
  • Beneficia di una regolare supervisione pedagogica
  • Informa i Coordinatori del Consiglio di classe sull’andamento dei suoi allievi prima dei consigli di classe
  • Consulta i Coordinatori del Consiglio di classe per eventuali convocazioni con i genitori